Nuova campagna emozionale di Amplifon


Avete visto la nuova campagna Amplifon in occasione dei suoi 65 anni? E' davvero molto emozionante.
Non è semplice parlare di temi così delicati, quali i problemi di udito. Spesso chi ne soffre ha problemi ad ammetterlo o ad accettarlo o si vergogna di dover portare un apparecchio, Amplifon ha colpito nel segno ed ha realizzato una campagna video molto bella che colpisce dritto al cuore e può essere di aiuto a tutti coloro che soffrono di problemi di udito ad ammettere il problema ed accettare di fare un controllo dell'udito e portare un apparecchio.




Se ve la siete persa, potete rivedere il video sul sito ufficiale di Amplifon.
Inoltre, potete condividerlo anche con i vostri cari, usandolo come strumento per sensibilizzarli rispetto ai problemi d'udito, proprio come avviene ai protagonisti del video usando frasi emozionali come: basta provarci, aspettare può solo peggiorare le cose, è normale, può farti sentire meglio, ecc.
Sul sito potete anche leggere ulteriori storie di coloro che hanno convinto i propri cari ad affrontare i problemi all'udito o raccontare la vostra storia, sia che siate figlio/nipote che ha convinto il proprio caro ad affrontare un problema, sia dal punto di vista del nonno/padre che è stato convinto da proprio figlio o nipote a provare gli apparecchi acustici. Purtroppo, superati i 60 anni, è quasi normale per tutte le persone anziane incorrere in problemi di udito. I primi segnali sono il volume della TV troppo alta, o la difficoltà a sentire ciò che si dice al telefono... Se fino a qualche anno fa si accettava la cosa senza soluzioni, da 65 anni, Amplifon risolve il problema di tutti coloro che hanno problemi di udito.

Buzzoole
Anna Pernice
Anna Pernice

Marketing-Communication manager, blogger, giornalista e Digital Pr. Appassionata di moda, viaggi e nutrizione, è sempre alla ricerca delle ultime tendenze che racconta con senso critico. Ama viaggiare, scrivere, praticare sport, andare al cinema e a teatro. Adora la musica classica e ha una passione per le nuove tecnologie.

Nessun commento:

Posta un commento